chi siamo

Il tuo matrimonio, i gesti, le emozioni: sensazioni uniche che rimarranno vive per sempre nelle pagine del tuo album di nozze…

Ricordi che vengono dati in ‘custodia’ alle fotografie.

 

Per questo è importante che a farle sia un fotografo di matrimonio professionista, come noi di Matrimoniofvg, capaci di farli rivivere con la stessa emozione di quel magico giorno.

 

La fotografia è una passione. Ma come in tutte le cose, per creare risultati sorprendenti, anche nella fotografia c’è bisogno di pratica e di conoscenza. I fotografi di Matrimoniofvg hanno alle spalle più di 30 anni di esperienza e nonostante ciò sono in continuo rinnovamento. 


Alessio Buldrin


Dal 1986 lavora nel campo del ritratto di moda, nella fotografia industriale e nelle riproduzioni di opere d’arte.

 

Nel 1990 consegue diploma in fotografia di grande formato presso centro formativo SINAR di Schaffhausen in Svizzera.

Le sue immagini sono pubblicate da riviste sia locali che nazionali come Vogue Sposa, Amica, Il Fotografo, Tutti Fotografi, Reflex, Il Friuli, Il Messaggero Veneto, Il Piccolo, TI New, Arte, Realtà Industriale, Cosmopolitan Slovenia, Elle, e molte altre.

Nel 1995 le sue foto innovative vengono inserite nel libro “Come fotografare i matrimoni” e in conseguenza di ciò viene chiamato come docente a tenere corsi e workshop in molte città italiane.

 

Nel 2002 fonda la " Foto e Grafica IMMAGINI " riunendo in essa un gruppo di persone in grado di soddisfare le nuove esigenze foto-grafiche che il nuovo mercato digitale si appresta a richiedere.

 

Nel 2004 presso la Galleria d’Arte Moderna “Bison” di Palmanova presenta la personale di ritratti materici intitolata “Beato tra le donne”. Le opere sono interamente eseguite con apparecchiature digitali e frutto di successive sperimentazioni in post produzione. La mostra dopo aver toccato diverse località del Friuli termina il suo tour nella primavera del 2005 al Castello di Schloss Krastowiz a Klgenfurt in Austria.

 

Nel 2006 ottiene la QIP - Qualified Italian Photographer prestigiosa qualifica professionale in fotografia industriale e pubblicitaria.

 

Grafica, fotografia e web nel prossimo futuro si intrecceranno sempre di più così nel 2007 inizia intensi studi per apprendere l’uso corretto dei nuovi software di elaborazione digitale.

 

Oggi dopo aver realizzato le fotografie è in grado di dar loro una veste grafica o di farle vivere su internet per mezzo di siti da lui appositamente realizzati.

 

Il 2009 lo vede iniziare una nuova collaborazione editoriale con il mensile Realtà Industriale per il quale realizza le copertine ritraendo politici e industriali di rilievo della nostra Regione.

 

Dal 2009 collabora con musei e artisti in tutta l'Italia per i quali fotografa le opere d’arte da riprodurre nei relativi cataloghi. Un settore questo, che richiede molta perizia tecnica, in quanto bisogna adeguare la ripresa e l'illuminazione delle opere in funzione dei materiali e della location, inoltre esige la perfetta riproduzione dei colori.

Nel 2011 fa parte dei 30 fotografi italiani chiamati dall’Accademia della grappa a rinverdire l’immagine del distillato più noto d’Italia.

L'attività di ricerca creativa nell'estate 2013 da alla luce il progetto “Why?” un lavoro di fusione tra grafica e fotografia con lo scopo di far riflettere sulla società del terzo millennio, attraverso l'espressione artistica.

 

Fedele al suo amore per la fusione di immagini, il 2015 lo porta a lavorare su un progetto creativo legato al tema portante dell'EXPO, cioè la nutrizione. Quattro opere da un metro per un metro e mezzo hanno già visto la luce e iniziato un percorso espositivo.


MASSIMILIANO PITTIS


Massimiliano Pittis

Come molti amanti della fotografia Massimiliano Pittis incontra la sua prima macchina fotografica alla tenera età di 8 anni, si trattava di una Polaroid a sviluppo istantaneo e fu subito amore.

 

Non si trattò solo di stupore fanciullesco alla vista della fotografia che appariva dopo pochi secondi dallo scatto, ma fu l'inizio di una passione che non abbandono più.


A quindici anni gli regalarono la prima reflex a pellicola con la quale poté apprendere la tecnica e la composizione, capire come nasce un'immagine in camera oscura e sviluppare la propria creatività.


Sensibile alle novità si buttò da subito (2003) nella sperimentazione delle prime fotocamere digitali e oggi grazie a quella precocità le maneggia con la disinvoltura dei grandi professionisti.

 

Accreditato tra i soli 10 fotografi durante la visita di Papa Benedetto XVI alla Basilica di Aquileia.
Accreditato come fotografo ufficiale durante la visita di Papa Francesco al Sacrario di Redipuglia.
Fotografo di Reportage in Irlanda, Spagna, Francia, Austria, Sicilia e molti altre località italiane.

 

Fotografo di matrimonio in esclusiva per Foto e Grafica IMMAGINI dal 2002.